bonus mobili 2019-bonus mobili senza ristrutturazione-ristrutturolamiacasa-ristrutturo la mia casa-ristrutturazioni torino

Bonus Mobili senza ristrutturazione – Come non cadere nella trappola

Prorogato il bonus mobili 2019, ecco come fare per accedere con le nuove regole

La nuova legge di bilancio ha travolto quelle che erano le vecchie sicurezze.

In campo fiscale soprattutto, sono cambiate molte cose, e per forza c’è bisogno di adattarsi.

Abbiamo visto come la situazione sia un po’ diversa per chi vuole ristrutturare casa, ho scritto un articolo proprio su tutte le novità in fatto di bonus ristrutturazione qui.

Ma pare che qualcosa sia rimasto uguale.

Il bonus mobili 2019 è sostanzialmente prorogato.

Però molti mi chiedono “Posso chiedere il Bonus Mobili senza ristrutturazione da fare?”

Allora vediamo di chiarire velocemente se è davvero rimasto tutto uguale e se è possibile accedere al bonus mobili senza ristrutturazione.

bonus mobili 2019-bonus mobili senza ristrutturazione-ristrutturolamiacasa-ristrutturo la mia casa torino-ristrutturazioni torino

Cosa devi sapere sul Bonus Mobili 2019

Se stai ristrutturando casa, o pensi di farlo, oltre alla parte strutturale potresti cogliere l’occasione per rinnovare la casa anche come design di interni.

Sfruttando l’agevolazione del Bonus mobili 2019 puoi arredare casa e far valere i tuoi diritti per degli sconti sulle tasse.

La detrazione in particolare andrà ad alleggerire l’Irpef del 50%, se acquisti mobili o grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni).

Il bonus mobili 2019 è prorogato dalla legge di bilancio anche per gli acquisti che si effettueranno nel 2019.

Quindi sostanzialmente, se stavi ristrutturando nel 2018, e vuoi acquistare mobili del 2019, sei coperto.

Il tetto massimo di spesa per i mobili è lo stesso – ossia 10.000 €.

Su questo verrà calcolata l’agevolazione fiscale. In parole povere, lo sconto sulle tasse sarà diviso in 10 anni. 1 quota all’anno, tutte uguali tra loro.

Non ho ancora risposto alla famosa domanda… “Posso chiedere il Bonus Mobili senza ristrutturazione da fare?” ci arrivo tra 1 attimo, seguimi.

Quali beni rientrano nel Bonus Mobili 2019

La detrazione spetta per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2019 per l’acquisto di:

  • mobili nuovi
  • grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+, (A per i forni),

Vediamo cosa dice l’agenzia delle entrate per quanto riguarda i mobili agevolabili con il bonus mobili 2019.
Ecco le categorie:

bonus mobili 2019-bonus mobili senza ristrutturazione-ristrutturolamiacasa-ristrutturo la mia casa-ristrutturazioni torino-legge di
  • letti,
  • armadi,
  • cassettiere,
  • librerie,
  • scrivanie,
  • tavoli,
  • sedie,
  • comodini,
  • divani,
  • poltrone,
  • credenze,
  • materassi,
  • illuminazione.

Ma non tutto può rientrare nel bonus mobili 2019.
Porte, pavimenti sono fuori. Però per loro c’è tutto un altra capitolo, ossia l’iva agevolata al 10%, ho scritto tutto qui.

Invece tende, tendaggi e altri arredi che non ricadano nelle categorie che ti ho elencato prima, e che siano considerati generalmente “non essenziali”, sono fuori.

Questi erano i mobili.

I grandi elettrodomestici sono altra cosa…

Il bonus mobili 2019 è applicabile solo se la classe energetica è uguale o superiore ad A+.

Unica eccezione sono i forni, per cui è ammessa anche la classe A.

Devo aggiungere che non tutti gli elettrodomestici hanno etichetta energetica. Sono quelli che non hanno l’obbligo etichetta, per loro tutto questo non si applica – e posso rientrare in quei famosi 10.000 € del bonus mobili 2019.

Ma cosa intendono per grandi elettrodomestici?
Ti faccio alcuni esempi:

  • frigoriferi,
  • congelatori,
  • lavatrici,
  • asciugatrici,
  • lavastoviglie,
  • apparecchi di cottura,
  • stufe elettriche,
  • piastre riscaldanti elettriche,
  • forni a microonde,
  • apparecchi elettrici di riscaldamento,
  • radiatori elettrici,
  • ventilatori elettrici,
  • apparecchi per il condizionamento.
bonus mobili 2019-bonus mobili senza ristrutturazione-ristrutturolamiacasa-ristrutturo la mia casa-ristrutturazioni torino-vigliano

IMPORTANTE – Una cosa a cui magari non ci si pensa. Nelle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici puoi inserire anche le spese di trasporto e di montaggio! (a patto che abbia rispettato i metodi di pagamento accettati, di cui ti parlo tra un attimo)

Le condizioni per accedere al bonus mobili 2019

Prima ancora di acquistare leggi bene tutte queste condizioni, non è nulla di difficile o macchinoso. Ma una distrazione potrebbe farti perdere l’agevolazione di cui hai diritto.

La cosa più importante di tutte per accedere al bonus mobili 2019 – effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito.

Non potrai avere nessun bonus se invece paghi con assegni bancari, direttamente in contanti o con altri mezzi di pagamento.

bonus mobili 2019-bonus mobili senza ristrutturazione-ristrutturolamiacasa-ristrutturo la mia casa-ristrutturazioni torino-bilancio

Se effettui il pagamento dei mobili con bonifico bancario o postale, non è necessario utilizzare quello (soggetto a ritenuta) appositamente predisposto da banche e Poste S.p.a. per le spese di ristrutturazione edilizia.

E se pago a rate? Sei ancora dentro i requisiti per il bonus mobili 2019 – sono ammessi anche i finanziamenti a rate, a condizione che la società che sta dando il finanziamento paghi il corrispettivo con le stesse modalità che abbiamo detto prima e tu dovrai sempre avere una copia della ricevuta di pagamento.

Ultima cosa, avere i documenti in ordine per richiedere il bonus mobili 2019.

I documenti che devi conservare dopo l’acquisto sono:

  • l’Attestazione del pagamento

Valgono la ricevuta del bonifico, la ricevuta di avvenuta transazione, per i pagamenti con carta di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente.

  • Le fatture di acquisto dei mobili o elettrodomestici

Dovranno riportare la natura, la qualità e la quantità dei beni che hai comprato e dei servizi che hai richiesto (trasporto e montaggio eventuali).

Lo scontrino che riporta il tuo codice fiscale, o di chi ha acquistato, che abbia scritto anche cosa, la qualità e la quantità dei mobili o degli elettrodomestici, è considerato valido come una fattura.

Una curiosità – se rispetti queste regole, i mobili e gli elettrodomestici puoi pure acquistarli all’estero!

Ma veniamo alla domanda… “Posso chiedere il Bonus Mobili senza ristrutturazione da fare?”

bonus mobili 2019-bonus mobili senza ristrutturazione-ristrutturolamiacasa-ristrutturo la mia casa-ristrutturazioni torino-piemonte

Bonus Mobili senza ristrutturazione – è possibile?

Vediamo se è realmente una possibilità. Molti dicono che c’è una falla nella normativa e quindi sarebbe in qualche modo fattibile.

Devo dire che io non sono d’accordo, ma voglio darti le mie motivazioni, conoscendo ormai molto bene il testo.

Infatti ti cito i passaggi chiave : il bonus mobili 2019 è valido

“…per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.”

Non ti basta? Vediamo cosa altro dice l’agenzia delle entrate su questa ipotesi del bonus mobili senza ristrutturazione : il bonus mobili 2019…

“…ma potrà essere richiesta solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia iniziato a partire dal 1° gennaio 2018.”

E non dimentichiamo che si specifica ancora meglio qui :

Per poter godere del bonus mobili 2019, bisogna che la data di inizio dei lavori sia anteriore alla data in cui hai acquistato i mobili e/o gli elettrodomestici.

Proprio per non avere nessun dubbio sul bonus mobili senza ristrutturazione ho fatto le mie ricerche. Giudizio finale?

Non è possibile!

Forse qualcuno si è fatto trarre in inganno da questa frase, sperando di ottenere il bonus mobili senza ristrutturazione e fare un po’ il furbo…

L’acquisto di mobili o di grandi elettrodomestici è agevolabile anche se i beni sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio.

Ma per me almeno, non c’è margine di interpretazione, perché qui si parla di ristrutturazioni di edifici con più unità abitative, tra cui condomini.

Questo era tutto quello che devi sapere sul bonus mobili 2019.

La proroga ci ha tranquillizzati tutti, ma non è tutto uguale.

Per questo ho creato un piccolo quiz per metterti alla prova.


Quanto ne sai di agevolazioni fiscali?

Mettiti alla prova per sapere
se sai davvero quanto puoi risparmiare!
CLICCA QUI SOTTO E FAI IL QUIZ PER NON RISCHIARE DI PAGARE PIÙ DI QUELLO CHE DEVI

quiz- agevolazioni fiscali ristrutturazione-detrazioni fiscali ristrutturazione

P.S. : Non pensare sia una passeggiata, un mio amico architetto (non faccio nomi) non è riuscito a ottenere un buon punteggio!

Alberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *